Alessandro Forte e Stefano Ottone – La pazzia è un’arte

La-pazzia-e-un-arte_PO

In controtendenza con gli ultimi dettami della moda, hanno rivoluzionato il mercato proponendo montature ad effetto specchiato con lenti opache.

L’avventura di Glassing, il brand che porta la firma di Alessandro Forte e Stefano Ottone, parte dalla psichedelica isola di Ibiza. Nel 2010 i due, amici da sempre, decidono di aprire un negozio di occhiali vintage in Calle de la Virgen. Con il tempo, forti dell’esperienza maturata, creano la loro prima collezione composta da un unico modello declinato in 15 colori. Il successo è immediato grazie anche alla scelta di venderli esclusivamente attraverso i distributori automatici all’interno delle discoteche di Ibiza.
Il mondo della moda inizia ad interessarsi al marchio e nel 2011 vince il Vogue Talent con la collezione successiva, Music Skin.
In questa intervista Alessandro e Stefano, ormai lontani dall’atmosfera vacanziera di Ibiza, ci svelano la storia e la filosofia di Glassing, ora realtà a respiro internazionale.

La vostra storia nel mondo dell’occhiale parte da Ibiza: ci raccontereste gli albori di Glassing? S. La nostra avventura è partita come una vacanza quando eravamo molto giovani e senza una lira. Avevo già la passione per gli occhiali ed ero convinto che ad Ibiza avrei trovato occhiali nuovi, diversi, invece non è stato così.
Volevamo rimanere sull’isola ma dovevamo trovare un modo per guadagnare e abbiamo quindi pensato di aprire un negozio di occhiali vintage. Abbiamo racimolato con qualche lavoretto i soldi che ci servivano giusto per iniziare e abbiamo aperto un punto vendita in Calle de la Virgen.
A. È stato in assoluto il periodo più divertente della nostra vita, eravamo spensierati e senza responsabilità; vendere ci piaceva e ci faceva guadagnare parecchio! Così, ho pensato di tornare in Italia e produrre la classica forma aviator – quella che vendevamo di più anche in negozio – in plastica in 15 colori, tutti fortissimi. Non avevamo idea di quanti ne avremmo venduti e, senza pensarci troppo, ne abbiamo ordinati 20.000 paia, una follia. Dovevamo venderli assolutamente, così ci siamo inventati l’idea del distributore automatico, che per fortuna ha funzionato.

Allegato:
Designer_la-pazzia-e-un-arte_POsettembre2014.pdf

Tags: ,