Esavision – Settembre 2013

Tecnologia perfetta

Lo strumento giusto nel momento giusto in campo optometrico e contattologico.

Come cantava Battisti, ci sono persone che “con un cacciavite in mano fanno miracoli”, altri che con un martello e un po’ di nastro adesivo riparano qualsiasi cosa. Fortunatamente oggi, per risparmiare tempo e denaro, l’industria e la tecnologia ci vengono incontro fornendoci gli strumenti adatti per la nostra attività quotidiana in modo da avere a disposizione nella nostra “cassetta degli attrezzi” lo strumento giusto nel momento giusto.
Esavision Technology è distributore per l’Italia di 2WIN un refrattometro binoculare e vision analyzer portatile che misura la refrazione in entrambi gli occhi nello stesso momento, alla distanza di un metro e del Topografo corneale Medmont E300, un Videocheratoscopio computerizzato con cono di dekking.
2WIN non è stato concepito per sostituire un auto-refrattometro da tavolo che, nella maggior parte dei casi, valuta l’errore refrattivo in monoculare e con una fissazione per lontano indotta artificialmente dallo strumento, ma lavorando in visione binoculare permette di valutare simultaneamente non solo l’errore refrattivo ma anche la direzione di sguardo, l’allineamento oculare, il diametro pupillare, la distanza interpupillare ed è possibile valutare immediatamente il bilanciamento accomodativo fra i due occhi.
2WIN è lo strumento portatile che, grazie a queste caratteristiche, si dimostra lo strumento ideale per la valutazione della qualità visiva nei soggetti non collaborativi, nei bambini, sia in studio che durante l’attività di screening nelle scuole, delle persone anziane che non possono raggiungere, per diversi motivi il nostro studio.
L’ampia possibilità di analisi del Medmont E300 oltre a soddisfare le principali applicazioni cliniche tradizionali come la fornitura dei dati di misura della cornea per lenti a contatto (RGP, OrthoK), valutazione generale della superficie corneale (qualità ottica della cornea, PRK, Post-lasik) è l’unico topografo che permette la Composite Map, cioè l’acquisizione di più immagini con il disco di Placido a 32 anelli, che vengono poi unite per avere la massima copertura della cornea (11 mm in orizzontale e 11 mm in verticale).
Quest’ultima caratteristica si dimostra molto utile nell’applicazione di lenti a contatto minisclerali e sclerali. L’acquisizione è automatica e risulta particolarmente facile e veloce. Grazie a questo particolare sistema il margine di errore non supera i 2 micron.
Esavision Technology distributore delle lenti a contatto ESA Ortho_6 per l’ortocheratologia opera inoltre nella fornitura e installazione di strumentazione in campo oftalmico, organizza corsi dedicati all’ortocheratologia, alla contattologia specialistica, alla correzione dei difetti visivi e al training neurovisivo, mettendo a disposizione i migliori professionisti. In sede, o presso gli stessi clienti, pianifica sessioni formative personalizzate dedicate alle nuove tecnologie in campo optometrico e contattologico.

www.esavision.it

Tags: